Le modifiche al Decreto sull’inclusione scolastica: il dibattito è aperto

In primo piano

 

Sta facendo discutere lo schema di Decreto approvato dal Consiglio dei Ministri, che modifica il Decreto Legislativo 66/17 sull’inclusione scolastica degli alunni con disabilità. Nel tentativo di approfondire un dibattito il più ampio, aperto e proficuo possibile, proponiamo oggi le riflessioni provenienti dall’Osservatorio Scolastico dell’AIPD (Associazione Italiana Persone Down) e quelle di due formatori dalla lunga esperienza in àmbito di inclusione scolastica, quali Flavio Fogarolo e Giancarlo Onger. Vari risultano gli aspetti del provvedimento evidenziati, sia in positivo che in negativo

Come già emerso ieri, su queste stesse pagine, dal commento diffuso dalla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), che ha espresso motivi di soddisfazione, ma anche rilevato “coni d’ombra”, ci sono opinioni discordi sullo schema di Decreto approvato qualche giorno fa dal Consiglio dei Ministri, che modificherà in più parti il Decreto Legislativo 66/17 (Norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità).
Come viene spiegato dall’Osservatorio Scolastico dell’AIPD (Associazione Italiana Persone Down), «il comma 184 della Legge 107/15 sulla “Buona Scuola” prevedeva che dopo l’emanazione dei Decreti Legislativi applicativi della riforma (tra cui anche il 66/17), il Governo avesse due anni di tempo per poter “adottare disposizioni integrative e correttive dei decreti medesimi”. Per questo il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca aveva già da alcuni mesi iniziato a discutere le proposte di modifica al Decreto 66/17 nell’Osservatorio Permanente sull’Inclusione Scolastica del ministero stesso, con la partecipazione di tutte le sue componenti, a partire dalle Associazioni delle persone con disabilità [tra cui lo stesso Osservatorio Scolastico dell’AIPD, N.d.R.], in un dialogo costruttivo con il ministro Bussetti e il sottosegretario Giuliano. Ora, quindi, questo schema di Decreto che contiene le future modifiche al Decreto 66/17, proposto dal Ministro dell’Istruzione e approvato preliminarmente dal Consiglio dei Ministri, dovrà passare alle Commissioni Parlamentari per il prescritto parere non vincolante; quindi tornerà al Consiglio dei Ministri per l’approvazione definitiva, che dovrà comunque avvenire entro 90 giorni dalla data dell’approvazione preliminare».
Da parte nostra, nel tentativo di approfondire un dibattito il più ampio, aperto e proficuo possibile e condividendo un auspicio espresso dall’Osservatorio Scolastico dell’AIPD («in occasione delle audizioni alle Commissioni Parlamentari, sarà assai importante chiedere che vengano recepite delle precisazioni in merito agli aspetti negativi da noi evidenziati, in modo da eliminarli nel testo definitivo»), riprendiamo gli aspetti ritenuti positivi e negativi, da parte dello stesso Osservatorio dell’AIPD, seguiti dalle riflessioni di due formatori con lunga esperienza in àmbito di inclusione scolastica, quali Flavio Fogarolo e Giancarlo Onger, che non usano invece mezzi termini nel manifestare sostanziali perplessità su varie parti dello schema di Decreto (a questo link vi è il testo del Decreto Legislativo 66/17 predisposto dall’Osservatorio Scolastico dell’AIPD, con le modifiche approvate dal Consiglio dei Ministri. Un testo, va precisato, non ufficiale).

Continua la lettura…

Servizio Civile – 30 Aprile 2019

In primo piano

Il giorno 30 Aprile 2019 si è svolta l’ultima giornata di formazione specifica dei giovani in servizio civile presso la Casa di cura Villa Margherita. Il titolo dell’incontro era: “Principi etici del servizio sociale, esercitazioni pratiche”. I ragazzi hanno conosciuto l’équipe della CTRP di Villa Margherita e presenziato ad una riunione durante la quale ogni operatore ha portato il suo contributo in relazione al progetto riabilitativo di ogni paziente. Questa riunione a cadenza settimanale organizzata dal Primario Dr Roberto Coppini fornisce agli operatori la possibilità di confronto periodico anche in merito alle dinamiche interne al reparto. Infine hanno potuto osservare un trattamento di riabilitazione presso la palestra con la spiegazione da parte di una Fisioterapista della Casa di Cura.

Servizio Civile – 24 Aprile 2019

In primo piano

Il giorno 24 Aprile 2019 si è svolta la terza giornata di formazione specifica dei giovani in servizio civile presso la Casa di Cura Villa Margherita. Il titolo dell’incontro era: “Tematiche socio-sanitarie inerenti all’accoglienza e all’accompagnamento sociale”. La relatrice Alice Gasparotto ha introdotto il tema dell’accoglienza della persona non autosufficiente in struttura residenziale la quale necessita di particolare attenzione perché il cambio d’ambiente può essere traumatico per la persona già fragile e spesso con una situazione familiare e sociale in fase di trasformazione. Ha poi spiegato cos’è il Registro Unico di Residenzialità in riferimento alla DGR 38/2006 che ne ha disciplinato le modalità attuative; il concetto di Unità Valutativa Multidimensionale Distrettuale, ossia una valutazione da parte delle figure professionali territoriali (ad es. Medico di Medicina Generale, Assistente sociale del Comune di Residenza, Medico Responsabile delle Cure Primarie) di accertamento della condizione di non autosufficienza con l’ applicazione della SVaMA (Scheda Valutativa Multidimensionale Adulti/Anziani) e l’inserimento nella graduatoria.  Dopodiché la relatrice ha parlato della figura dello psicologo tramite una testimonianza della Dott.ssa Elena Rasi, Psicologa presso il Centro Polifunzionale Casa Gerosa di Bassano del Grappa. Le sue principali mansioni sono il supporto all’ospite e ai suoi familiari relativamente all’’accettazione dell’inserimento in contesto comunitario, che può risultare per la persona fragile motivo di disorientamento. La psicologa si occupa di fare anche la valutazione psicologica dell’ospite e quindi partecipa alla compilazione del Progetto Assistenziale Individualizzato  (PAI), che va a definire le problematiche della persona ed aiuta l’équipe e la persona stessa a porsi degli obiettivi raggiungibili. La relatrice ha poi introdotto il tema dell’Hospice, ossia un reparto che accoglie malati terminali sottolineando l’importanza del ruolo dello psicologo nel supporto e accompagnamento agli ospiti e alle famiglie in questa fase delicata quale il fine vita. Infine, ha fatto svolgere ai ragazzi un’esercitazione pratica di gruppo che ha permesso loro di comprendere la dimensione lavorativa degli operatori, immedesimandosi nel fornire soluzioni per un caso specifico (inventato).

 

Servizio Civile – 23 aprile 2019

In primo piano

Il giorno 23 Aprile 2019 si è svolta la seconda giornata di formazione specifica dei giovani in servizio civile presso la Casa di Cura Villa Margherita. Il titolo dell’incontro era: “Amministrazione di sostegno”. La relatrice Alice Gasparotto ha approfondito la differenza fra i tre istituti giuridici previsti dal nostro ordinamento: la figura del tutore/curatore/amministratore di sostegno. Quest’ultimo può essere un familiare, un amico, un conoscente o un professionista esterno (es. un avvocato). Il giudice provvede a nominare questa figura e stabilisce quali atti va a svolgere a tutela del soggetto beneficiario.  Dopodiché i ragazzi hanno fatto un lavoro di gruppo che è servito a sviluppare l’ascolto attivo. Infine è stato analizzato l’iter che l’assistente sociale segue quando le viene segnalata la necessità di presa in carico di un paziente: domanda o segnalazione, analisi e valutazione iniziale con un primo colloquio individuale o d’équipe, viene stilato un percorso con obiettivi da raggiungere, vengono quindi definite assieme al paziente e al suo familiare delle azioni mirate per aiutare la persona a raggiungere gli obiettivi prefissati. Vi sono delle verifiche intermedie e finali che spesso coincidono con le “riunioni di progetto intermedia e finale” organizzate dall’équipe riabilitativa. In questa sede emergono gli obiettivi che sono stati raggiunti e si procede con la chiusura del caso clinico che spesso coincide con la dimissione del paziente.